Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.

Le tappe della nostra storia

In quasi venti anni di attività abbiamo realizzato talmente tanti progetti, che raccontarli in una sola pagina sarebbe davvero troppo lungo.
Qui di seguito, quindi, vogliamo riassumere le tappe più importanti della nostra storia e le esperienze che maggiormente hanno contraddistinto l'attività delle Donne in Nero di Torino.

1988: l'esperienza del “Campo di pace” organizzato con donne palestinesi ed israeliane e l'incontro con le Donne in Nero di Gerusalemme pone le basi per la nascita del gruppo, allora denominato “Visitare luoghi difficili”.

1990: con l'aggravarsi della crisi del Golfo aumenta la partecipazione al gruppo, per l'esigenza di esprimere l'estraneità di noi donne alle scelte belliche che sia il nostro che altri governi si apprestano a compiere.

1991: iniziano le uscite "in nero" periodiche a Torino per manifestare silenziosamente contro la prima guerra del Golfo. Donne in Nero sostiene, inoltre, la campagna per la “obiezione fiscale alle spese militari”.

1991-1992: durante la prima guerra del Golfo inizia una raccolta di documenti e contributi su “Pace e guerra in Medio Oriente: percorsi di donne” (Inchiesta n° 91–92, gennaio – giugno 1991), con la pubblicazione di scritti di donne palestinesi, israeliane ed italiane. Il gruppo cambia il proprio nome in “Io donna contro la guerra”.

1991-1993: iniziano i rapporti con i Balcani ormai in guerra, dove era sorto il gruppo delle Donne in Nero di Belgrado, invitando il 1° maggio 1993 alcune donne di Belgrado e Zagabria a aprlare in piazza a Torino. Nell'estate 1993, a Novi Sad, si svolge l'incontro internazionale delle Donne in nero e Donne per la pace, portando anche donne croate insieme a donne di tutta Italia. Negli stessi anni si instaurano i primi rapporti con gruppi di donne algerine impegnate nella resistenza contro i fondamentalisti e le loro aggressioni e stragi nei confronti delle donne.

1995: si svolge ad Huairou il Forum Mondiale delle donne, in occasione della Conferenza di Pechino promossa dalle Nazioni Unite. Nascono alcuni importanti conratti con la rete più vasta delle Donne in nero.

1999: nascono nuove iniziative contro i bombardamenti della Nato su Serbia e Kosovo. Se, da un parte, diminuiscono i viaggi e gli scambi con le donne di Israele e Palestina, dall'altra si allargano e si stabilizzano le reti nazionali e internazionali di Donne in nero.

2000: Marcia mondiale delle donne a Bruxelles, per la quale abbiamo preparato riflessioni con sguardo di donne su globalizzazione e problemi internazionali. La seconda intifada riaccende l'attenzione sulla situazione palestinese: le Donne in Nero italiane organizzano settimane a staffetta di presenza e incontri, dal nome “Io donna vado in Palestina”.

2001: a giugno e luglio partecipiamo a Genova prima al “Punto-G”, iniziativa delle donne contro il G8, poi alle manifestazioni di tutto il movimento. Dall'inizio dell'attacco degli USA in Afghanistan aumenta il nostro coinvolgimento nell'opposizione alla cosiddetta “guerra globale al terrorismo”.

2001-2003: in collaborazione con altri gruppi e associazioni, femminili e non, di Torino realizziamo il progetto “Percorsi di empowerment delle donne a Torino e Gaza”, avendo come partner il gruppo di donne del “Women Empowerment Project”, più volte incontratoe a Gaza.

2003-2005: Incontro internazionale di 400 Donne in Nero a Marina di Massa. Parte inoltre il progetto “Epic” con donne delle città di Gaza e Haifa, che affronta il tema della violenza sulle donne e che è proseguito fino al 2006, terminandoi in un seminario del settembre 2005 a Torino, cui hanno partecipato donne di entrambe le città.

2005: in agosto, grande incontro internazionale delle Donne in Nero a Gerusalemme.

2006-2007: continua l'elaborazione sulla militarizzazione nel nostro paese e nel mondo, sulla produzione e commercio delle armi, sull'uso mediatico della paura e del concetto di “sicurezza”. Proprio su questo tema si è tenuto nell'agosto 2007 a Valencia l'Incontro internazionale delle Donne in Nero.

Nel corso degli anni abbiamo sempre continuato a incontrare studenti nelle scuole, a organizzare serate, conferenze e incontri con donne dei “luoghi difficili”, a uscire in nero ogni mese con il nostro volantino che trattava i temi emergenti; oltre, naturalmente, a partecipare a manifestazioni e iniziative con altri e altre.

Se vuoi saperne di più sulla storia delle Donne in nero di Torino puoi contattarci di persona seguendo le indicazioni segnalate alla pagina Contatti e informazioni.