Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.

Documenti di 30 anni di Casa

30 anni di Casa

2008 - Cittadinanza a Marisela Ortiz

Il 4 novembre 2008 il Consiglio Comunale di Torino ha approvato la mozione per il conferimento della cittadinanza onoraria a Marisela Ortiz de Rivera, di Ciudad Juarez.

Leggi tutto: 2008 - Cittadinanza a Marisela Ortiz

2008 - Contro l'intolleranza

Le Donne in nero e il Coordinamento cittadino delle donne per l'autoderminazione della Casa delle Donne hanno deciso di aderire al presidio organizzato da CGIL CISL UIL Torino, Gruppo Abele, Pastorale Migrantes, PARALLELI, ritenendo che sia assolutamente necessario esprimere in ogni modo la nostra preoccupazione rispetto ai recenti gravi fatti di intolleranza nei confronti dei Rom e il nostro dissenso verso i provvedimenti e il clima xenofobo che si stanno instaurando in Italia.

Di seguito il testo dell'appello dei promotori:

CONTRO L’INTOLLERANZA
DIAMO VOCE E PAROLA A CHI PENSA CHE ACCOGLIENZA E LEGALITA’ DEVONO CAMMINARE INSIEME

Gli episodi recentemente accaduti di intolleranza nei confronti di immigrati e nomadi a seguito di episodi criminosi e le norme repressive varate dal Governo ci fanno dire che il bisogno di sicurezza va difeso e trasformato in regole da rispettare, proprio per questo siamo contrari a chi vuole confondere la singola responsabilità con una colpa collettiva da addebitare a tutti i nomadi e gli immigrati.

Leggi tutto: 2008 - Contro l'intolleranza

1979: Immagini e storia dell'occupazione dell'ex manicomio femminile

Ecco alcuni documenti storici o particolarmente importanti per la storia e la vita della Casa delle Donne di Torino. Si tratta delle immagini dell'occupazione dell'ex manicomio femminile di via Giulio, datate 1979.

Sono foto scannerizzate, in formato .jpg, raffiguranti diversi momenti dell'occupazione dell'ex manicomio femminile di via Giulio. Sono le uniche immagini rimaste di quel periodo e dell'occupazione in generale. Se ne avete altre, mandatecele!!!
Scarica le immagini: occupazione-1, occupazione-2, occupazione-3, occupazione-4, occupazione-5.

E il 24 marzo 2015 è andato in onda  su Radio 3 il programma, realizzato per  Wikiradio da Patrizia Giancotti,  sull'occupazione dell'ex manicomio femminile di Torino da parte del movimento femminista che lo ha trasformato in Casa delle Donne.

E' una gran bella narrazione su come ci muovevamo, e su cosa ci spingeva a muoverci, ahinoi qualche decennio fa.
Patrizia Giancotti, che partecipò in prima persona a quell'evento, invita chi di noi lo desidera a esprimere i propri commenti sulle pagine di Wikiradio e facebook.

2008 Crediti

Questo sito web nasce da un progetto di tesi terminato nel giugno 2008 da Ileana D'Incecco, laureanda del Corso di Laurea Magistrale in Comunicazione nella Società dell'Informazione presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli studi di Torino. Il progetto aveva come obiettivo la realizzazione del sito della Casa delle Donne attraverso l'uso di strumenti Open Source (Open Source Initiative) e per questo motivo ogni pagina è stata sviluppata per mezzo del software open source Joomla!

Contenuti

L'ideazione del sito è stata portata avanti completamente da donne: le socie Patrizia, Anna, Margherita e Laura si sono dedicate ai testi; Valeria Sangiorgi, la nostra bravissima fotografa, ha messo a disposizione le immagini; Ileana si è occupata della grafica, dell'architettura dei contenuti e dello sviluppo del progetto nel suo complesso.

Copyright e proprietà intellettuale

Questo sito è stato creato per esprimere la volontà dell'Associazione di far conoscere le proprie iniziative e di comunicare con l'esterno, attraverso un mezzo di comunicazione nuovo, globale e immediato. Altrettanto importante, per noi, è diffondere una cultura di non violenza nei confronti delle donne, e continuare a rappresentare un punto di riferimento per l'aggregazione e il sostegno tra donne e per la loro (e nostra) organizzazione politica autonoma su tematiche differenti.
Data la connotazione Open Source del progetto, tutti i testi possono essere riprodotti secondo quanto previsto dalle Creative Commons versione 2.5.