Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.

Incontro con Malali Joya

Siamo felici, onorate ma soprattutto emozionate di ospitare Malalai Joya. Sarà un incontro che, siamo sicure, arricchirà ognuna di noi.
Vi aspettiamo quindi in via Vanchiglia 3, lunedì 23 aprile alle 18,30, con le nostre amiche del CISDA, Coordinamento Italiano sostegno donne afgane, per ascoltare le sue parole, la sua incredibile vita che è ormai così intrecciata a quella sociale e politica afgana. Sarà un importante momento di riflessione ad ampio respiro sulla situazione delle donne, nello specifico in un paese così complesso e sempre oggetto di tragiche cronache e attualità come l’Afghanistan.

 

Incontro con Malalai Joya

 

 

 

 

Non temo tanto la morte quanto i rischi che possono derivare da

 

restare in silenzio di fronte a tanta ingiustizia…

 

LUNEDI’ 23 APRILE 2018 ORE 18,30

 

Torino – Via Vanchiglia 3 , primo piano Sala Caterina Ronco

 

coordina Anna Santarello

 

traduce Isabella Bruschi

 

Malalai Joya, politica e attivista afghana, è nata nella provincia di Farah in Afghanistan. Dopo l’invasione sovietica si rifugia con la famiglia in un campo profughi in Iran e più tardi in Pakistan. Nel 1998 rientra in Afghanistan, che nel frattempo è passato sotto il regime dei talebani, ed inizia a lavorare come attivista per i diritti umani e delle donne. Nel 2003 viene eletta nel parlamento dove si distingue per le sue prese di posizione contro la presenza nell’assemblea di persone definite come “signori e criminali di guerra”. Sospesa dalle sue funzioni, viene reintegrata e, nel 2007, allontanata in modo definitivo. Da allora ha subito numerose minacce di morte e deve vivere sotto scorta. Per il suo coraggioso impegno ha ricevuto numerose onorificenze e importanti riconoscimenti internazionali. Nel 2010 ha pubblicato insieme al giornalista Derrick O’Kneefe il libro Finchè avrò voce. La mia lotta contro i signori della guerra e l’oppressione delle donne afgane, Piemme, 2011.

 

Vi aspettiamo

 

Casa delle Donne di Torino